La costruzione della “legalità” fascista negli anni Trenta (Roma, 29.11.19)

Cosa: Convegno La costruzione della “legalità” fascista negli anni Trenta

Dove: Università degli Studi di Roma Tre – Dipartimento di Giurisprudenza, Via Ostiense 159, Aula 5 (piano terra)

Quando: Venerdì 29 novembre 2019, ore 10:00

Sotto la locandina del convegno previsto per il prossimo 29 novembre, pubblichiamo la lettera di invito del Presidente dell’Istituto Emilio Betti di scienza e teoria del diritto nella storia e nella società, prof. Luca Loschiavo. Per ragioni organizzative, si prega di voler comunicare l’intenzione di intervenire scrivendo a uno dei seguenti indirizzi: loschiavoluca@gmail.com – stefania.gialdroni@uniroma3.it – silvia.dipaolo@uniroma3.it.

“Cari Colleghi e cari Amici,

in allegato trovate la locandina con il programma del convegno che l’Istituto Betti ha organizzato, con l’ospitalità del Dipartimento di Giurisprudenza di Roma Tre, per il prossimo 29 novembre. Vi invito a prenderne nota e magari a dare ulteriore diffusione alla locandina tra i Vostri conoscenti che pensate possano essere interessati. Il tema del convegno di quest’anno è stato proposto dai soci Italo Birocchi, Giovanni Chiodi e Mauro Grondona che, di concerto con il Comitato scientifico dell’Istituto, hanno anche provveduto alla definizione del programma. Spero che il tema – che idealmente prosegue il discorso cominciato nel 2014 con il convegno dedicato a I giuristi e il fascino del regime – susciti il Vostro interesse.
Poiché, assieme alle assemblee, i convegni sono anche tra i momenti più significativi della vita dell’Istituto, mi auguro che vogliate intervenire numerosi. 
Per poter organizzare al meglio l’accoglienza, Vi chiedo anche di comunicare con una mail – possibilmente con qualche anticipo – la Vostra intenzione di intervenire. 
Al termine del convegno, con chi potrà trattenersi, ci sarà modo di scambiare qualche impressione sull’attività dell’Istituto e sulle sue prospettive future: una sorta di riunione informale.
Con i miei saluti più cari,

Luca Loschiavo