La formazione del giurista: 19-20 gennaio 2017, Università RomaTre

Cosa: Convegno “La formazione del giurista”

Dove: Università degli Studi di RomaTre, Dipartimento di Giurisprudenza, Via Ostiense 161, Sala del Consiglio.

Quando: 19-20 gennaio 2017 (inizio dei lavori, ore 10:30 del 19 gennaio)

***

20 gennaio 2017, ore 14:30: Assemblea annuale dell’Istituto Emilio Betti

betti-convegno-gennaio-2017

Di seguito il prof. Luca Loschiavo, direttore dell’Istituto, descrive le attività svolte tra il 2015 e il 2016 oltre che i progetti per l’anno che sta per cominciare. Per chi volesse iscriversi, tutti i dati necessari si trovano alla fine della comunicazione. 

“Cari Amici, illustri e cari Colleghi,

 l’anno che si sta concludendo ha visto l’Istituto Betti attivo su più fronti. Consentitemi anzitutto di esprimere la soddisfazione per il successo editoriale che sta incontrando il volume uscito nell’autunno del 2015 contenente gli atti dell’incontro del 2014 dedicato, come ricorderete, a “I giuristi e il fascino del regime (1915-1925)”. La casa editrice RomaTr-ePress mi ha comunicato che, sino ad ora, la versione elettronica del libro ha avuto oltre 2700 ‘download’ (il che significa che 2700 tra persone, biblioteche o enti hanno voluto procurarsene una copia). Molto numerose (nell’ordine delle centinaia) sono state anche le richieste di copie cartacee arrivate alla casa editrice e trasmesse alla tipografia.

Rimanendo nell’ambito delle pubblicazioni, nelle prossime settimane, nella stessa collana e con le stesse modalità editoriali del volume appena ricordato, dovrebbero uscire due nuove pubblicazioni: il volume curato da Sandro-Angelo Fusco, con la trascrizione e la traduzione italiana a fronte del corso di lezioni sulla storia costituzionale romana che Emilio Betti tenne a Francoforte nell’anno accademico 1937/38, e il volume con gli atti del convegno su “La funzione sociale nel diritto privato tra XX e XXI secolo” che si tenne nell’ottobre del 2015 e che è stato curato da Francesco Macario e da Marco Miletti.

Per quanto invece attiene all’attività seminariale e convegnistica, si è lavorato all’organizzazione del convegno “Sovranità e diritti al tempo della globalizzazione” che, come ricorderete, si è effettivamente svolto con successo lo scorso ottobre presso la Biblioteca del Senato grazie all’impegno di Gianluca Contaldi e Tommaso Edoardo Frosini. Anche in questo caso si cercherà di pubblicare gli atti.

Nei mesi scorsi si è poi ‘messo in cantiere’ un nuovo importante incontro dedicato a “La formazione del giurista”.  L’incontro, la cui organizzazione è stata affidata a Beatrice Pasciuta e al sottoscritto, si terrà tra qualche settimana (in allegato troverete anche la relativa locandina). Data l’importanza e l’urgenza del tema, ci è sembrato di dover anticipare la data senza attendere sino al prossimo autunno.

Questo convegno – per il quale l’Istituto può beneficiare dell’ospitalità e del sostegno del Dipartimento di Giurisprudenza di Roma Tre – riveste un’importanza particolare: si tratta certamente di un tema centrale nel magistero di Betti ma si tratta anche di attuare quella che a me pare debba essere la vera ‘missione’ dell’Istituto: difendere l’idea della dimensione culturale ‘ampia’ del giurista e ribadire, al tempo stesso, la strutturale unità del sapere giuridico al di là delle necessarie specializzazioni. In questa fase storica, inoltre, un momento di riflessione sulla maniera non proprio favorevole in cui è oggi percepito il ruolo del giurista nella società (il calo delle immatricolazioni nelle nostre Facoltà è solo una manifestazione di tale diffuso disinteresse se non addirittura ‘disfavore’ nei confronti della dimensione del ‘giuridico’) dovrebbe riuscire salutare. Occorre seriamente interrogarsi sull’attualità dell’offerta formativa che proponiamo in un contesto che è profondamente mutato negli ultimi decenni. Chiarirsi le idee in proposito, cominciare ad avanzare proposte senza attendere che ci siano invece imposte soluzioni dettate da logiche che poco hanno a che fare con il miglioramento qualitativo dei futuri giuristi, non dovrebbe risultare esercizio inutile.

Credendo di fare cosa utile, in particolare per chi non abita a Roma, ho anche pensato di convocare l’assemblea annuale per il primo pomeriggio (alle ore 14.30) del 20 gennaio, cioè subito dopo la fine del convegno su “La formazione del giurista” (e presso la medesima sala in modo da non doversi spostare).

Come vedete, durante il 2016 l’Istituto si è mosso molto. Voglio esprimere qui il mio ringraziamento per l’intero Comitato scientifico che ha sempre risposto validamente alle sollecitazioni e si è impegnato per la riuscita delle iniziative dell’Istituto. Il mio grazie va però soprattutto a tutti coloro che rinnovando l’iscrizione o iscrivendosi per la prima volta hanno consentito di porre concretamente in essere le iniziative via via progettate.

Come sapete l’Istituto non dispone di altri finanziamenti oltre le quote versate dagli iscritti. Quest’anno più che mai – con l’organizzazione in tempi ravvicinati di due convegni – le spese sostenute sono ingenti e vi confesso che il credito sul conto dell’Istituto è praticamente esaurito. Eccomi dunque a pregare chi intende iscriversi o rinnovare l’iscrizione di farlo già nei primi giorni di gennaio in modo che io possa far fronte alle spese relative al prossimo convegno e possa acquistare le copie dei suaccennati volumi che poi intendo spedirvi (come è stato per i precedenti volumi della cui pubblicazione l’Istituto s’è fatto promotore).

Per vostra comodità, ripeto qui le modalità di iscrizione che rimangono le medesime degli anni passati. Per iscriversi all’Istituto occorre versare un bonifico di € 50 (socio sostenitore) o di € 30 (socio ordinario) sul conto corrente bancario dell’Istituto di cui indico di seguito gli estremi:

beneficiario: Istituto E. Betti di scienza e teoria del diritto; causale: iscrizione per l’anno 2017 – socio sostenitore (o ordinario); istituto bancario: Banca Prossima; Sede: Filiale di Milano, 20121 – Piazza Paolo Ferrari, 10 – Milano;

IBAN: IT97N 03359 6768 4510 7001 77402

Confido molto nel Vostro sostegno, senza il quale, ovviamente, l’Istituto Betti dovrebbe limitare fortemente la propria attività o cessarla del tutto.

Nel ringraziavi sin d’ora, colgo l’occasione per formulare a tutti Voi i più calorosi auguri per le prossime Festività.” 

                                                                             Luca Loschiavo

                                                                         (presidente dell’Istituto)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.