Pubblicato il carteggio Betti – La Pira (2014)

E. Betti – G. La Pira, Il carteggio Betti – La Pira, a cura di Giuliano Crifò, Polistampa 2014
9788859612964EUR 28,00
Il carteggio inedito tra Emilio Betti, professore di materie romanistiche, e Giorgio La Pira, suo promettente discepolo nelle Università di Messina e di Firenze negli anni ’20 del Novecento, mette in scena la vicenda e le vicissitudini di un rapporto maestro-allievo. Neanche quattordici anni d’età separano i protagonisti – Betti è nato nel 1890, La Pira nel 1904 – ma ciascuno interpreta con convinzione il proprio ruolo. Dense di discussioni scientifiche (La Pira, guidato dal maestro, scrive la tesi di laurea e la monografia del 1930 sulla successione ereditaria), costellate di indiscrezioni e di giudizi anche duri sull’università, ricche di umanissimi contrasti: queste lettere accuratamente commentate da Crifò – mancato Crifò, l’ultima revisione si deve ai suoi allievi romani e a Carlo Lanza – ci permettono, oggi, di penetrare idealmente nello studio di un romanista di un secolo fa, permettendoci di rivivere un momento alto, e privato, di vita accademica e di cultura.
Presentazione di Mario Primicerio. Introduzione di Carlo Lanza. Nota redazionale di Maurilio Felici.

Nasce il blog dell’Istituto Emilio Betti

L’ “Istituto Emilio Betti di Scienza e Teoria del diritto nella storia e nella società” nasce a Teramo – presso il Rettorato dell’Università (viale Crucioli, 120) – con atto notarile, il giorno 15 dicembre 1995. 
LOGO BETTI
Quali soci fondatori compaiono Luciano Russi, Giuliano Crifò, Primo Di Attilio, Giovanni D’Attoma, Antonio Nasi, Mattia Persiani, Giampiero Proia, Teresa Serra e Francesco Zanchini.
Finalità dell’Istituto sono: la promozione di ricerche destinate ad approfondire e diffondere in Italia e all’estero la conoscenza dell’opera scientifica di Emilio Betti;  l’organizzazione di convegni internazionali e incontri di studio seminariali su tematiche inerenti alla produzione scientifica di Betti; l’allestimento e la cura di un archivio destinato ad accogliere e rendere fruibili agli studiosi i carteggi sostenuti da Betti con alcune delle principali figure della cultura internazionale del Novecento nonché la custodia del patrimonio librario da lui lasciato; la pubblicazione degli scritti inediti di Betti e la ripubblicazione delle opere già edite ma divenute rare o introvabili.